Re: Il corso obbligatorio gas florurati per Autoriparatori: dite la vostra sul corso fatto!

venerdì 11 ottobre 2013, 20:39

Giusto! :S
Chiedo scusa a tutti. Lo faccio subito.

Re: Il corso obbligatorio gas florurati per Autoriparatori: dite la vostra sul corso fatto!

sabato 12 ottobre 2013, 0:39

io non ho ancora frequentato questo corso, ma è qui mi trattengo, se sono come i vari corsi come:
>sicurezza sul lavoro
>primo soccorso
>corso per il guidare il muletto (hahahahaha)
>anti-incendio
e questi sono solo i corsi che ho dovuto fare in questi 6 mesi per poter lavorare io ho solo 21 anni, pensate al mio datore di lavoro quanti soldi ha dovuto spendere per permettermi di lavorare senza contare tutto il resto.
E voi piccoli o grandi artigiani: quanti soldi avete già speso per poter lavorare e dare o meglio regalare allo stato?

Con questo non voglio dire che sia sbagliato fare questi corsi però, anti incendio prima regola se c'è un incendio chiamare il 115, primo soccorso se c'è un ferito chiamare il 118...e devo lasciarci 1000€ per imparare a scrivere 6 numeri? è questa la presa in giro. Senza parlare del corso per guidare il muletto...avanti-alza pedana-indietro-abbassa pedana tutto questo per 500€ azzo....con la stessa cifra ho preso la B.

Piccola ammenda per lo stato se volete i soldi chiedeteceli come fate già, ma almeno non fateci perdere tempo oltre che i soldi...perchè non credo che da caricare un gas o caricarne un altro ci possa cambiare la vita...non servono 8 ore per dirci come attaccare 2 tubi a una macchina..poi magari mi sbaglio...ma a me quando me l'hanno spiegato per la prima volta ci ha messo 15 minuti e mi ha fatto provare ad attaccare e staccare sti tubi...per altri cosa 5 minuti?...mah

Re: Il corso obbligatorio gas florurati per Autoriparatori: dite la vostra sul corso fatto!

sabato 12 ottobre 2013, 8:31

lupo92 ha scritto:Piccola ammenda per lo stato se volete i soldi chiedeteceli come fate già, ma almeno non fateci perdere tempo oltre che i soldi...perchè non credo che da caricare un gas o caricarne un altro ci possa cambiare la vita...non servono 8 ore per dirci come attaccare 2 tubi a una macchina..poi magari mi sbaglio...ma a me quando me l'hanno spiegato per la prima volta ci ha messo 15 minuti e mi ha fatto provare ad attaccare e staccare sti tubi...per altri cosa 5 minuti?...mah

Questo corso è tutt`altra cosa che una perdita di tempo e ti assicuro che non si tratta di attaccare e staccare i tubi.
In primis oltre alle cose interessantissime che si apprendeno con questo corso, si parla del danno che si provoca all`ambiente e alle persone lasciando disperdere questo gas nell^aria,quindi lavorare in sicurezza, poi se
per te questa è una cosa di poco conto, allora si che diventa una perdita di tempo, Consiglio: Fallo subito : Chessygrin : : Thumbup :
In questo forum abbiamo anche dei grandi formatori, sicuramente ti daranno loro una risposta piü adeguata della mia.
Rispettare l^ambiente è: Avere rispetto per noi stessi e tutte le altre persone o cose che ci circondano. :ciau: :ciau:

Re: Il corso obbligatorio gas florurati per Autoriparatori: dite la vostra sul corso fatto!

sabato 12 ottobre 2013, 13:05

Io ho espresso le mie idee di giovane che per poter iniziare a lavorare il mio datore di lavoro ha dovuto sostenere notevoli spese in ogni ambito. Premetto che son solo 6-7, mesi che lavoro mentre studio o meglio adesso sono inattesa per potermi laureare in ingegneria meccanica mi manca solo più la tesi (piccolo off-topic) ed avrei piacere che qualche esperto mi dicesse sinceramente se questo corso è più utile degli altri già fatti da me in ambito puramente lavorativo. Poi beh certo rispettare l'ambiente va benissimo, ma volevo sapere se questo corso è realmente utile o meno...

Con i mess da me postato prima non era una critica, ma una costatazione in base alle esperienza degli atri corsi da me sostenuti

Re: Il corso obbligatorio gas florurati per Autoriparatori: dite la vostra sul corso fatto!

sabato 12 ottobre 2013, 13:10

lupo92 ha scritto:
Piccola ammenda per lo stato se volete i soldi chiedeteceli come fate già, ma almeno non fateci perdere tempo oltre che i soldi...perchè non credo che da caricare un gas o caricarne un altro ci possa cambiare la vita...non servono 8 ore per dirci come attaccare 2 tubi a una macchina..poi magari mi sbaglio...ma a me quando me l'hanno spiegato per la prima volta ci ha messo 15 minuti e mi ha fatto provare ad attaccare e staccare sti tubi...per altri cosa 5 minuti?...mah


Questi obblighi sono stati introdotti dall'UE, però forse è vero che lo stato italiano non ha eccelso nel recepire i regolamenti europei, sia per quanto riguarda i tempi e sia per come ha "tradotto" i documenti europei ...

Forse è vero (come qualcuno sostiene) che attraverso questi corsi si sta facendo lavorare una categoria di persone che altrimenti, forse, dovrebbero emigrare ...

Dalla mia posizione (quella di formatore) devo però purtroppo dire che fino ad ora ho visto molti autoriparatori che non conoscono (e credetemi mi dispiace) nemmeno le unità di misura della potenza (ne' meccanica, ne' termica ecc). Alcuni hanno difficoltà anche a convertire CV in kW o bar in MPa.
Per quello che fin'ora ho capito, secondo me (e ne sono convinto) è necessario che gli addetti si organizzino e si incontrino spesso per fare un "ripasso" delle rispettive materie tecniche e un continuo aggiornamento organizzato con scelta occulata di: obiettivi, temi, relatori, ecc. (incontri almeno semestrali della categoria. senza lucro ...magari sponsorizzati (qualcuno li fa ma sono troppo mirati ai prodotti forse)).

Senza ombra di dubbio il Forum Automotive è, a tal proposito, occasione da non perdere, occasione di arricchimento reciproco e quindi di miglioramento delle proprie capacità e competenze. Io stesso ne sto traendo giovamento.

All'inizio dei corsi (307-2008 e 303-2008) ero un pò scettico sulla loro utilità, anche perchè convinto che gli operatori del settore fossero, criguardo alla formazione tecnica, figure professionali complete.
Ora considero questi corsi, al di là dei costi discuttibilissimi, GRANDE OCCASIONE di ARRICCHIMENTO TECNICO RECIPROCO.

Un errore di manovra "attancando due tubi" provoca "invisibili" emissioni di F-Gas in atmosfera dell'ordine anche fino a più di 60 g (voglio ricordare che 1kg di R134a corrisponde a 1430 kg di CO2, ciò significa che se lascio andare in aria 1kg di R134a produco gli stessi effetti di lasciare andare 1430 kg di CO2).
Credo importantissimo, per chi opera sul clima auto conoscere e saper utilizzare alla perfezione il macchinario per il recupero e la rigenerazione del gas e le problematiche legate ad un utilizzo superficiale.

Rinnovo la mia domanda (richiesta) a chi ha già frequentato il corso:
Affinchè non vi annoiate, quali altri argomenti inerenti all'obiettivo del corso potete consigliarmi di trattare ?
Grazie per le eventuali risposte e Un grande saluto a tutti !

Re: Il corso obbligatorio gas florurati per Autoriparatori: dite la vostra sul corso fatto!

sabato 12 ottobre 2013, 16:28

missibraun ha scritto:
Rinnovo la mia domanda (richiesta) a chi ha già frequentato il corso:
Affinchè non vi annoiate, quali altri argomenti inerenti all'obiettivo del corso potete consigliarmi di trattare ?
Grazie per le eventuali risposte e Un grande saluto a tutti !

A mio parere e per come mi e' stato presentato il corso,non e' l'argomento a risultare noioso e' solo che si riuscirebbe ad esporre il tutto in due orette o poco piu' .....tutto il restante tempo e' stato tempo perso....
Questa e' stata la mia esperienza,poi se qualcuno dal corso ha avuto esperienze positive o addirittura delle "rilevazioni" un bravo hai formatori che sono riusciti a diluire l'argomento e magari fare test piu' interessanti.
L'argomento aria condizionata in ambito automotive e' molto vasto,quindi gli argomenti che si potrebbero ritrattare e utilizzare come un ripasso (a tanti farebbe tanto bene..... sottoscritto compreso) da affiancare al corso potrebbero essere molti,un esempio su tutti;diagnosi e ricerca guasti utilizzando la lettura pressioni,magari sull'auto con panne create ad hoc,utilizzando stazioni di carica sia di vecchia che nuova generazione;credo che saper utilizzare anche le vecchie stazioni di carica dove bisogna eseguire manualmente tutti i passaggi sia positivo.
Domanda:un collega mi ha detto,che i dipendenti apprendisti quindi non ancora operai possono caricare impianti AC visto che stanno ancora imparando !!!!!
E' vero o e' una bestialita'???
Noi abilitati dal corso,possiamo insegnare e abilitare i nostri dipendenti ???
Magari fra due tre anni ci sara' sempre chi eseguira' questi corsi?
Concludo con questa personale idea,sicuramente sbagliata ma,non credo che il nuovo gas prendera' piede andando a equipaggiare tutto il parco veicoli mondiale,credo invece che sara' scalzato da un'altro diverso tipo di gas magari meno costoso di piu' facile reperibilita' ......

Re: Il corso obbligatorio gas florurati per Autoriparatori: dite la vostra sul corso fatto!

sabato 12 ottobre 2013, 19:17

:ciau: Rispondo ad Emilio che dal contenuto puö forse trarne qualche spunto alla sua domanda e anche a Marco (tutto questo non si puö fare in 2 ore.)
Io questo corso lo consiglio vivamente e per me seppur in tedesco è stato l^unico corso che mi è rimasto qualcosa in mente, sarä stata per la semplicitä e per la bravura del formatore che ci ho capito qualcosa anch^io : Chessygrin : e da quel giorno sono diventato un^accanito ambientalista e sopratutto o imparato a lavorare in sicurezza: Thumbup : :book:
Il corso qui da noi ha la durata di 2 giorni (8 ore al giorno) 12 ore teoria e 4 per l^esame ( ca. 50 risposte da dare se non ricordo male). Il corso è solo teorico, (mentre per quello pratico devi fare un^altro corso separatamente, durata 1 giorno).
Corso teorico(Traduco dal tedesco)
Contenuti del corso:
– Base della ecologia e tossicologia:
1-1 Parti e funzioni di un ecosistema :
Biotop e biocenosi
Cicli biogeochimici (catena alimentare, reti trofiche) e flussi di energia
1.2 Valutare i problemi ambientali e dei rischi per l'uomo in relazione con i refrigeranti:
Impoverimento dello strato di ozono.
Il riscaldamento globale.
L'inquinamento delle acque.
1.3 Tossicologia:
Le vie di esposizione delle sostanze nel corpo umano.
Termini tossicologici : l'assorbimento locale, sistemica, acuta, cronica,, distribuzione, metabolismo, escrezione, mutageno, cancerogeno, tossico per la riproduzione
Tossicità dei refrigeranti:L'effetto sulle persone con i sintomi associati

– Problemi dell` ambiente in relazione con l’agente frigorigeno
2.1 Scopo e campo di applicazione dei più importanti principi giuridici in materia di refrigeranti
2.2 descrizioni delle norme riguardanti la fabbricazione, l'importazione, l'uso e lo smaltimento di refrigeranti.
2.3 . Protezione dell'equilibrio ecologico

– Legislazione di protezione sanitario-, lavoratore e dell` ambiente.
3.1 Principi e regole di comportamento che devono essere osservate quando si maneggiano refrigeranti ed elettrodomestici e apparecchiature contenenti refrigerante.
3.2 Precauzioni di controllo che sono necessarie quando si maneggiano refrigeranti per proteggere l'uomo e l'ambiente.
3.3 Misure di prevenzione degli incidenti e misure di primo soccorso.
3.4 Descrizioni dei modi in cui la fuga dei refrigeranti può essere limitata al minimo nell` ambiente

– Agenti frigorigeni e loro campo d’applicazione ed ecocompatibilità
4.1 Principali refrigeranti : Proprietà e usi
4.2 Confronto dei vari refrigeranti nell`ambiente.
4.3 Corretto smaltimento dei refrigeranti, olio refrigerante e di elettrodomestici e apparecchiature contenenti refrigerante

– Attrezzatura, macchine e impianto come anche il suo maneggio a
regola d’arte

5.1 Funzionamento di base di attrezzature e sistemi che vengono utilizzati negli impianti di refrigerazione.
5.2 Valutare l'adeguatezza dell` uso di attrezzature.
5.3 Funzionamento e manutenzione delle attrezzature e impianti.

Re: Il corso obbligatorio gas florurati per Autoriparatori: dite la vostra sul corso fatto!

domenica 13 ottobre 2013, 1:48

Salve !

grimarco » ieri, 16:28
Domanda:un collega mi ha detto,che i dipendenti apprendisti quindi non ancora operai possono caricare impianti AC visto che stanno ancora imparando !!!!!
E' vero o e' una bestialita'???
Noi abilitati dal corso,possiamo insegnare e abilitare i nostri dipendenti ???
Magari fra due tre anni ci sara' sempre chi eseguira' questi corsi?


Il DPR 43/2012 all'art. 11 comma 3 dice testualmente:
Ai sensi dell'art. 2.2 del Reg. CE 307/2008, l'obbligo di attestazione di cui all'art. 9, comma 3, non si applica per un periodo massimo di 1 anno, alle persone che svolgono l'attività di cui all'art. 8, comma 1, lettera e (persone addette al recupero di gas fluorurati ad effetto serra dagli impianti di condizionamento d'aria dei veicoli a motore ... ), iscritte ad un corso di formazione finalizzato al rilascio di una attestato di formazione che contempla l'attività pertinente, purchè l'attività in questione sia svolta sotto la supervisione di una persona ritenuta adeguatamente qualificata.
Se non fraintendo qualcosa mi sembra che possano operare solo sotto il diretto controllo di chi è già abilitato.

Concludo con questa personale idea,sicuramente sbagliata ma,non credo che il nuovo gas prendera' piede andando a equipaggiare tutto il parco veicoli mondiale,credo invece che sara' scalzato da un'altro diverso tipo di gas magari meno costoso di piu' facile reperibilita' ......


Credo che non sbagli. Infatti Mercedes, dopo i crash-test da lei effettuati sui suoi veicoli, ha fermato l'installazione degli impianti clima ad R1234yf. Anche Peugeot ha fatto lo stesso. (Pare che l'R1234yf a contatto con i collettori (temp=900°C) si incendi ... e a contatto con l'acqua reagisca formando acido cloridico fluoridico, micidiale a contatto con la pelle).
Wolkswagen ha invece presentato, a marzo 2013 (mi pare), al salone dell'automobile di Ginevra, un suo prototito di impianto funzionante con R744 (CO2) (se riuscirà a renderlo affidabile sicuramente dominerà la scena per il prossimo futuro), in cui in un sicuro e rapido sviluppo crede ciecamente.


Rispondo ad Emilio che dal contenuto puö forse trarne qualche spunto alla sua domanda e anche a Marco (tutto questo non si puö fare in 2 ore.)
Io questo corso lo consiglio vivamente e per me seppur in tedesco è stato l^unico corso che mi è rimasto qualcosa in mente, sarä stata per la semplicitä e per la bravura del formatore che ci ho capito qualcosa anch^io e da quel giorno sono diventato un^accanito ambientalista e sopratutto o imparato a lavorare in sicurezza: Thumbup :
Il corso qui da noi ha la durata di 2 giorni (8 ore al giorno) 12 ore teoria e 4 per l^esame ( ca. 50 risposte da dare se non ricordo male). Il corso è solo teorico, (mentre per quello pratico devi fare un^altro corso separatamente, durata 1 giorno).


Forse bisogna anche dire che la participare al corso deve essere fatta con Interesse e passione per il proprio lavoro. Come appunto forse avete fatto voi. Lo dimostra il fatto che avete definito i formatori "bravi" (
semplicitä e per la bravura del formatore che ci ho capito qualcosa anch^io
;
un bravo hai formatori che sono riusciti a diluire l'argomento
).

Grazie.
Siete per me di grande aiuto.

© Forum Autoriparatori - Versione Mobile
Powered by ammirati.org